Accedi Registrati

Accedi

15 e 16 Maggio 2020 - Workshop Introduttivo alla TADS-I

Dall’assessment alla pianificazione del Trattamento
Due giornate di formazione con Suzette Boon

e con la partecipazione del gruppo italiano di implementazione dell’intervista:
A. Catania, V. Fusco e M. Cavalletti

sede AreaTrauma srls, via L. Ariosto,4 - Milano
15 e 16 maggio 2020

Organizzazione scientifica: Giovanni Tagliavini e Maria Paola Boldrini
Traduzione consecutiva in italiano
Richiesti crediti ECM per medici e psicologi

In tutto il mondo i terapeuti si pongono le stesse domande, affrontando le stesse sfide e gli stessi problemi quando curano pazienti traumatizzati e gravemente dissociativi. Questo workshop rappresenta una grande occasione formativa per incontrare una dei tre psicotraumatologi che hanno scritto la storia del settore da 30 anni a questa parte e che propongono le nuove traiettorie operative e cliniche per il prossimo decennio: condivideranno con noi le loro idee e le loro esperienze, nate da migliaia di ore di terapia vissute coi pazienti, e da migliaia di ore spese come supervisori, situazione in cui i clinici portano le loro vulnerabilità, le loro necessità e le loro domande più urgenti.

L’Intervista per l’Assessment dei Sintomi da Trauma e Dissociazione (da qui TADS-I) è un’ intervista clinica semi-strutturata, da somministrare per valutare i sintomi dissociativi e altri sintomi legati al trauma. Per utilizzare l'intervista, è necessaria una formazione nella diagnosi dei disturbi dissociativi e dei disturbi post-traumatici da stress. Ai fini di una diagnosi differenziale, è anche essenziale la conoscenza della psicopatologia.

A partire dalla fine degli anni Ottanta, Suzette Boon e Nel Draijer iniziarono un lavoro di ricerca sistematico nella diagnostica dei disturbi dissociativi, al fine di ottenere informazioni sulla validità dei disturbi dissociativi nel DSM-IV (poi DSM-III-R), e, in particolare, del disturbo dissociativo dell'identità (DID), in precedenza chiamato disturbo di personalità multipla (MPD).
Boon e Draijer hanno validato la Structured Clinical Interview per i Disturbi Dissociativi del DSM-III-R (SCID-D, Steinberg, 1993; Steinberg et al,1990), nei Paesi Bassi e hanno testato l’affidabilità di questa intervista (Boon & Draijer 1991, 1993, una , b, c, 1995, una e b; Draijer & Boon, 1999). L'intervista ha dimostrato di avere un'ottima validità e affidabilità. Si è rivelata preziosa nel distinguere i disturbi dissociativi da altri disturbi psichiatrici e nel differenziare chiaramente i disturbi dissociativi da disturbi correlati, come il disturbo borderline di personalità.
Attualmente è tradotta in italiano e utilizzata da gruppi di lavoro formati dalla dr.ssa Suzette Boon e dal gruppo di lavoro italiano che fa capo ad AISTED (www.aisted.it).

Per permettere il massimo di partecipazione possibile al workshop, il numero di partecipanti è limitato a 50: farà fede la data di iscrizione. Sono stati assegnati 14 crediti ECM all’evento.